Intervista

Andrea Dovizioso: “Vanno capite le gomme”

Pochi giri (35) e nemmeno troppo veloci (è a 0”721 da Quartararo), ma Andrea, giustamente, non è preoccupato: “Diciamo che è stato il classico primo giorno di test dopo la pausa invernale. Bisogna sistemare un po’ di cose e, soprattutto, modificare stile di guida e messa a punto per le Michelin”
di Giovanni Zamagni
Andrea Dovizioso: “Vanno capite le gomme”

SEPANG - Qualche problemino, un po’ di novità da provare, le gomme Michelin tutte da scoprire, gli automatismi da ritrovare: pochi giri (35) e neppure troppo veloci (1’59”666, 11esimo a 0”721 da Fabio Quarataro). Ma, ovviamente, non è il caso di preoccuparsi. Infatti, Andrea Dovizioso non si preoccupa. Per il momento.

“Diciamo che è stato un classico primo giorno di test dopo la pausa invernale. La GP20 non è molto differente, ma ci sono varie modifiche che richiedono tempo per essere messe a punto. Abbiamo anche dovuto affrontare qualche normale problemino: diciamo che oggi è stato fatto un lavoro di sgrossatura. Non abbiamo lavorato moltissimo: speriamo che domani ci siano le condizioni meteo ideali”.

Cosa cambia di più dall’anno scorso?
“Le gomme. Con le nuove Michelin devi cambiare modo di guidare e devi sistemare in modo differente la moto. Sotto questo aspetto, c’è un bel lavoro da fare, determinante per raggiungere certi livelli di competitività. Negli anni precedenti, le gomme introdotte a inizio stagione dalla Michelin erano migliorative, ma comunque simili a quelle vecchie, mentre questa si comporta in maniera differente. Per questo c’è molto lavoro da fare sull’assetto della moto per riuscire a sfruttarle al meglio, e va fatto qui, perché questo tracciato è più significativo rispetto a quello del Qatar. Ecco, la gomma diventa la priorità da capire e da gestire in questi tre giorni”.

Qual è la differenza?
“La carcassa è differente: con Michelin non è corretto parlare di “più morbida” o “meno morbida”. Questa ha più grip, è differente a centro curva e in trazione, cambia molto il modo come scivola. Per tutto questo, bisogna cambiare modo di guidare, trovare la messa a punto corretta, anche a livello di elettronica”.

Hai usato solo il telaio 2020: ormai la scelta è fatta?
“Sì, non abbiamo telai 2019, la scelta è stata fatta. Le differenze sono piccole, ma vanno sfruttate al meglio e a seconda del lavoro che fai in questi test puoi fare una bella differenza”.

Quella del telaio è stata una scelta obbligata o ragionata?
“E’ una scelta convinta, non c’era motivo per non usare la nuova ciclistica. Bisogna però capire bene qual è il margine di miglioramento”.

E il “motorone”?
“Direi bene, anche se non mi sono trovato con nessuno in pista, non ho avuto termini di paragone. Ma non è che i cavalli possono aumentare più di tanto, soprattutto nel nostro caso…”.

  • 1/72
  • 2/72
  • 3/72
  • 4/72
  • 5/72
  • 6/72
  • 7/72
  • 8/72
  • 9/72
  • 10/72
  • 11/72
  • 12/72
  • 13/72
  • 14/72
  • 15/72
  • 16/72
  • 17/72
  • 18/72
  • 19/72
  • 20/72
  • 21/72
  • 22/72
  • 23/72
  • 24/72
  • 25/72
  • 26/72
  • 27/72
  • 28/72
  • 29/72
  • 30/72
  • 31/72
  • 32/72
  • 33/72
  • 34/72
  • 35/72
  • 36/72
  • 37/72
  • 38/72
  • 39/72
  • 40/72
  • 41/72
  • 42/72
  • 43/72
  • 44/72
  • 45/72
  • 46/72
  • 47/72
  • 48/72
  • 49/72
  • 50/72
  • 51/72
  • 52/72
  • 53/72
  • 54/72
  • 55/72
  • 56/72
  • 57/72
  • 58/72
  • 59/72
  • 60/72
  • 61/72
  • 62/72
  • 63/72
  • 64/72
  • 65/72
  • 66/72
  • 67/72
  • 68/72
  • 69/72
  • 70/72
  • 71/72
  • 72/72
Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta