Video

2010-2019: Dieci anni di MotoGP. La staffetta Valentino/Marquez

Si chiude un decennio tondo, il secondo del millennio. Nel 2010 si correva con le 800 e con Bridgestone, mentre Lorenzo vinceva il suo primo titolo MotoGP; dal 2012 siamo tornati alle 1000, dal 2016 a Michelin e alla centralina unica. Tante cose sono cambiate, Rossi non ha più vinto titoli e Marquez è il grande protagonista
di Moto.it

Hanno vinto i titoli anche Stoner con Honda (dopo il 2007 con Ducati), e soprattutto ha dominato Marquez: sei titoli e gli ultimi quattro consecutivi. Per noi il personaggio del decennio è lui: arrivato nel 2013, in sette stagioni ha surclassato la concorrenza vecchia e nuova. Talento, innovazione, squadra e moto gli ingredienti del suo dominio. Dopo Marc, al secondo posto nella nostra classifica piloti mettiamo certamente Casey Stoner: ha chiuso nel 2012 ma ha lasciato il segno.

Per l’ingegnere Bernardelle, la conquista tecnica del decennio è quella dei controlli elettronici: sempre più specifici e, soprattutto, trasferiti alla produzione di serie con solidi vantaggi per tutti i motociclisti. Giulio critica il regolamento e analizza l’evoluzione di motori e telai, gomme e aerodinamica, segnalando le tappe fondamentali dell’evoluzione della MotoGP nei dieci anni considerati: dalle Bridgestone del 2010 fino alla piattaforma inerziale unica introdotta nel 2019. Molto interessante il confronto delle prestazioni su tre piste rimaste quasi immutate.
 

Nel nostro speciale tracciamo gli episodi più significativi, ricordiamo le pagine più liete e quelle tristi. Purtroppo ci hanno lasciato alcuni piloti e personaggi molto amati, a cominciare da Marco Simoncelli. E concludiamo con le nostre considerazioni su ciò che nel decennio sembra cambiato tanto: la guida della MotoGP, ma anche la sicurezza, la direzione gara, la copertura televisiva degli eventi. 


Guarda la punatata su YouTube
Scarica l'audio della puntata

Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta