Piloti

MotoGP. Joan Mir: "Salute e famiglia vengono prima dello sport"

Una lunga intervista per conoscere meglio il pilota Suzuki e sapere come sta vivendo questo periodo di forzata clausura
MotoGP. Joan Mir: Salute e famiglia vengono prima dello sport

Joan Mir, come tutti è bloccato in casa e come tutti conta i giorni dalla prima gara della stagione... quando la si conoscerà. Ovviamente la prima considerazione del pilota Suzuki è sul Coronavirus.

"Sono estremamente sorpreso dall'evoluzione del virus nel mondo e da tutti i danni che sta causando a migliaia di famiglie. Onestamente, è triste e un vero peccato quello che stiamo attraversando, tutto ciò che possiamo fare è rimanere saldi ed essere uniti".


Cosa fai a casa? Segui le notizie o ti distrai?
"Non tutto il giorno, ma guardo le notizie per cercare di capire un po' di più la situazione. Preferisco non ossessionarmi, ma seguo tutto attentamente e mi fido degli esperti: penso che prenderanno le decisioni migliori per tutti".

Qual è il tuo modo preferito per passare il tempo?
"Beh, provo a continuare con la "vita normale", ma è evidente che noi piloti non possiamo allenarci come prima perché abbiamo limiti e restrizioni. Non possiamo allenarci in moto, ma provo ad allenarmi a casa in una mini palestra che ho. Cerco di andare avanti giorno per giorno con la massima pazienza possibile".

In che modo questa crisi globale ha influenzato il tuo modo di vivere?
"Per ora non mi ha influenzato affatto, tranne per la cancellazione della prima gara, i rinvii e la preoccupazione che genera. Dobbiamo essere molto chiari sul fatto che la salute è più importante di ogni altra cosa. Recentemente l'esperienza dell'incidente dell'anno scorso a Brno mi ha insegnato molto e mi ha mostrato quanto valore abbia la salute, perché senza salute non abbiamo nulla. È più importante della fama, del denaro o di qualsiasi altra cosa. Alla fine, è uno sport, è uno spettacolo e basta. Ma la salute e la famiglia sono cose essenziali nella vita di chiunque".
 

  • 1/9
  • 2/9
  • 3/9
  • 4/9
  • 5/9
  • 6/9
  • 7/9
  • 8/9
  • 9/9

In che modo questo ritardo influenza il tuo stato di forma mentale?
"Ad essere sincero, volevo davvero correre in Qatar. Non è stato facile quando ho sentito per la prima volta la notizia, perché ero molto concentrato sull'inizio della stagione. È difficile gestire la testa quando ti viene improvvisamente detto che non puoi fare la cosa che ami di più nella vita. Ma poi ti rendi conto rapidamente della gravità della situazione e ti calmi. La pazienza è molto importante e devi solo entrare in una buona routine che ti consenta di essere il più forte possibile, sia mentalmente che fisicamente".

Quali cambiamenti hai apportato al tuo regime di allenamento considerando che non c'è ancora una certa data di inizio per la stagione?
"Non ho apportato alcuna modifica, tranne per il fatto che non mi alleno con una moto. Mi sto allenando duramente e sto lavorando sul mio fisico. È anche un'opportunità per migliorare la mia capacità fisica e mentale e impiegare del tempo per lavorarci su.
È difficile gestire la testa quando ti viene improvvisamente detto che non puoi fare la cosa che ami di più della vita. Ma poi ti rendi conto rapidamente della gravità della situazione e ti calmi".

In assenza di una moto, il modo migliore per passare il tempo è ...
"Beh, guardo film e serie su Netflix e mi prendo un po' più di tempo per rilassarmi".

La situazione con il campionato MotoGP sta cambiando frequentemente. Questa montagna russa di incertezza ti fa stare male?
"Cerco di non pensare troppo alle modifiche al calendario. Nulla è ancora deciso, le cose sembrano cambiare da un giorno all'altro e l'evoluzione del virus sembra peggiorare. So che Dorna sta facendo un ottimo lavoro, mi fido della loro gestione, e spero che questo finisca il più presto possibile e possiamo riprendere la nostra vita normale e tornare in pista!".

L'ultima parte della stagione MotoGP avrà molte gare vicine. Come pensi che ciò possa influenzare il campionato?
"Beh, sarà un finale difficile della stagione e dovremo sfruttare al meglio ogni gara, con poco tempo per riposarci in mezzo, e sarà particolarmente difficile da un punto di vista mentale. Fisicamente possiamo gestire tutto, ma mentalmente ci metterà tutti alla prova. Ma come ho già detto, lo sport è secondario e la prima cosa su cui concentrarsi è la nostra salute".

Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta