• 1/32
  • 2/32
  • 3/32
  • 4/32
  • 5/32
  • 6/32
  • 7/32
  • 8/32
  • 9/32
  • 10/32
  • 11/32
  • 12/32
  • 13/32
  • 14/32
  • 15/32
  • 16/32
  • 17/32
  • 18/32
  • 19/32
  • 20/32
  • 21/32
  • 22/32
  • 23/32
  • 24/32
  • 25/32
  • 26/32
  • 27/32
  • 28/32
  • 29/32
  • 30/32
  • 31/32
  • 32/32

MotoGP. Svelate le KTM 2020

Nuove livree per lo squadrone KTM. Le moto austriache, in arancione o in blu, puntano quest'anno a risultati di peso

KTM ha svelato le quattro moto che saranno impegnate nel campionato MotoGP nella prossima stagione. In sella ritroveremo Pol Espargaró e Miguel Oliveira con due rookie a fianco: Brad Binder Iker Lecuona. Per il 2020 la Casa austriaca punta a raccogliere risultati di peso. I riscontri dei primi test sono molto positivi: le novità (motore, telaio e aerodinamica) hanno dato risultati incoraggianti. A Sepang le KTM hanno brillato, ora si aspettano solo i risultati in gara.


Pit Beirer - Direttore di KTM Motorsport: 
“Il 2020 sta per iniziare, e direi che siamo esattamente dove speravamo di essere. Abbiamo disegnato il percorso in una mappa e lo stiamo seguendo con tutto l’appoggio dell’azienda e della direzione. L’anno scorso abbiamo lavorato con una squadra satellite e quattro piloti che ci hanno apportato un prezioso feedback, e le squadre si sono motivate reciprocamente, però allo stesso tempo ci ha portati al limite delle nostre risorse, permettendoci di arrivare sulla vetta dove siamo ora. Non direi che abbiamo una ‘squadra satellite’ adesso, siamo un ‘pacchetto’ di KTM legato da amicizia e fiducia, e includo anche la squadra che si occupa dello sviluppo in questa organizzazione. È affascinante poter sviluppare moto incredibilmente potenti e di alta qualità, il meglio dell'ingegneria motociclistica, e portare i materiali al limite”.

“Poi ci sono i piloti - ha continuato -. Pol ha portato molto in questo progetto, e sappiamo che Brad ha una grande storia con la nostra Casa, con noi ha vinto il mondiale Moto3 e adesso si trova in MotoGP. Quest’anno Miguel metterà sotto pressione i piloti ufficiali, e abbiamo grande fiducia in Iker, che ci ha già impressionati. Lavorare al progetto in Moto3 nel 2012 è stato un passo molto importante per il nostro reparto corse, perché ci ha permesso di iniziare, d’imparare velocemente e crescere con lo stesso gruppo di persone. Siamo felici di poter giocare un ruolo importante in questa categoria. Continueremo a fare del nostro meglio per migliorare in MotoGP. Questa stagione è molto importante per noi. Sono sicuro che abbiamo fatto un lavoro eccellente per schierare una buona moto sulla griglia di partenza, però verremo valutati sui tempi che faremo in pista”.

Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta