• 1/74
  • 2/74
  • 3/74
  • 4/74
  • 5/74
  • 6/74
  • 7/74
  • 8/74
  • 9/74
  • 10/74
  • 11/74
  • 12/74
  • 13/74
  • 14/74
  • 15/74
  • 16/74
  • 17/74
  • 18/74
  • 19/74
  • 20/74
  • 21/74
  • 22/74
  • 23/74
  • 24/74
  • 25/74
  • 26/74
  • 27/74
  • 28/74
  • 29/74
  • 30/74
  • 31/74
  • 32/74
  • 33/74
  • 34/74
  • 35/74
  • 36/74
  • 37/74
  • 38/74
  • 39/74
  • 40/74
  • 41/74
  • 42/74
  • 43/74
  • 44/74
  • 45/74
  • 46/74
  • 47/74
  • 48/74
  • 49/74
  • 50/74
  • 51/74
  • 52/74
  • 53/74
  • 54/74
  • 55/74
  • 56/74
  • 57/74
  • 58/74
  • 59/74
  • 60/74
  • 61/74
  • 62/74
  • 63/74
  • 64/74
  • 65/74
  • 66/74
  • 67/74
  • 68/74
  • 69/74
  • 70/74
  • 71/74
  • 72/74
  • 73/74
  • 74/74
Test

Test MotoGP a Sepang. Day 1

Veloci le Yamaha satelliti, non benissimo le Ducati e le Honda. L’Aprilia nuova con il motore a 90° continua a ben impressionare
di Giovanni Zamagni

La prima giornata di test si chiude con una doppietta del team Petronas: conta poco, in questo momento, ma è comunque significativa. Fabio Quartararo è stato sempre davanti, girando anche con una buona costanza; Franco Morbidelli è stato un po’ più altalenante, ma anche lui è stato molto concreto ed efficace. I due piloti del team satellite davanti a quelli ufficiali non è né una sorpresa né una novità: è già successo tante volte nel 2019. Inoltre, entrambi i piloti dispongono ormai di una moto ufficiale. Maverick Vinales ha chiuso al sesto posto e con una scivolata (alla curva 11), fortunatamente senza conseguenze, mentre Valentino Rossi è decimo staccato di 0”624. Valentino ha effettuato 48 giri, senza mai tentare un vero e proprio “time attack”.

La Suzuki si conferma competitiva. Alex Rins ha portato al debutto anche una nuova aerodinamica, già provata dal collaudatore Sylvain Guintoli durante i tre giorni di “shake down”; più indietro Joan Mir (nono), ma nel complesso la Suzuki ha iniziato bene.
Più difficile decifrare la giornata della Honda: Cal Crutchlow è stato il più veloce, ma ha fatto un solo giro rapido, nel finale. Crutchlow aveva al box tre moto a disposizione, “solo” due per i fratelli Marquez, che nel pomeriggio, dopo la pausa, non hanno più girato. Hanno chiuso uno in scia all’altro e molto indietro: bisogna aspettare la conferenza stampa per capire il tipo di lavoro svolto.
 

Vedi anche

In Casa Ducati il più rapido è stato Jack Miller, quinto: anche questa non è una sorpresa, perché nel team ufficiale Andrea Dovizioso fa sempre un lavoro poco mirato al tempo sul giro. Andrea, piuttosto, ha girato poco (solo 35 giri per lui, meno di chiunque altro): anche nel suo caso bisogna capire perché. Sempre un po’ in difficoltà Danilo Petrucci, piuttosto lento Johann Zarco al debutto con la Ducati, che quindi si conferma una moto tutt’altro che semplice da utilizzare.

L’Aprilia nuova con il motore a 90° continua a ben impressionare: Aleix Espargaro ha girato con una buona costanza e tempi più che interessanti. Infine la KTM, in pista anche con il collaudatore Dani Pedrosa: anche in questo caso si confermano i miglioramenti visti già durante lo “shake down”.

CLASSIFICA

Pos   Rider Team Fastest lap Lead. Gap Prev. Gap Laps Last lap
1   QUARTARARO, Fabio Petronas Yamaha SRT 1:58.945     22 / 52  
2   MORBIDELLI, Franco Petronas Yamaha SRT 1:58.996 0.051 0.051 43 / 62  
3   RINS, Alex Team SUZUKI ECSTAR 1:59.195 0.250 0.199 24 / 56  
4   CRUTCHLOW, Cal LCR Honda CASTROL 1:59.234 0.289 0.039 28 / 39  
5   MILLER, Jack Pramac Racing 1:59.236 0.291 0.002 46 / 47  
6   VIÑALES, Maverick Monster Energy Yamaha MotoGP 1:59.367 0.422 0.131 33 / 49  
7   ESPARGARO, Aleix Aprilia Racing Team Gresini 1:59.427 0.482 0.060 4 / 43  
8   ESPARGARO, Pol Red Bull KTM Factory Racing 1:59.536 0.591 0.109 24 / 48  
9   MIR, Joan Team SUZUKI ECSTAR 1:59.568 0.623 0.032 46 / 51  
10   ROSSI, Valentino Monster Energy Yamaha MotoGP 1:59.569 0.624 0.001 17 / 48  
11   DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 1:59.666 0.721 0.097 29 / 35  
12   MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:59.676 0.731 0.010 7 / 37  
13   MARQUEZ, Alex Repsol Honda Team 1:59.918 0.973 0.242 25 / 38  
14   PETRUCCI, Danilo Ducati Team 1:59.939 0.994 0.021 23 / 42  
15   PEDROSA, Dani Red Bull KTM Factory Racing 2:00.017 1.072 0.078 5 / 45  
16   OLIVEIRA, Miguel Red Bull KTM Tech 3 2:00.131 1.186 0.114 46 / 49  
17   BAGNAIA, Francesco Pramac Racing 2:00.136 1.191 0.005 23 / 53  
18   GUINTOLI, Sylvain SUZUKI Test Team 2:00.371 1.426 0.235 11 / 48  
19   ZARCO, Johann Reale Avintia Racing 2:00.464 1.519 0.093 50 / 54  
20   LECUONA, Iker Red Bull KTM Tech 3 2:00.511 1.566 0.047 23 / 44  
21   BINDER, Brad Red Bull KTM Factory Racing 2:00.519 1.574 0.008 28 / 58  
22   RABAT, Tito Reale Avintia Racing 2:00.750 1.805 0.231 26 / 54  
23   NAKAGAMI, Takaaki LCR Honda IDEMITSU 2:00.815 1.870 0.065 25 / 31  
24   TEST 1, Yamaha Yamaha Test Team 2:01.080 2.135 0.265 47 / 50  
25   TEST 2, Yamaha Yamaha Test Team 2:01.744 2.799 0.664 21 / 22  
26   SAVADORI, Lorenzo Aprilia Racing Team Gresini 2:03.150 4.205 1.406 3 / 31
Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta