Due novità Harley Davidson in cantiere: Café Racer e Flat Track
Anticipazioni

Due novità Harley Davidson in cantiere: Café Racer e Flat Track

Dopo le foto non ufficiali la conferma arriva dai disegni depositati. Harley-Davidson sta sviluppando due nuove stradali con la nuova piattaforma motore Revolution Max
di Maurizio Gissi

Mentre è notizia recente la tregua fra Harley-Davidson e uno dei suoi azionisti di riferimento, Impala, e anche l'industria americana si misura con gli effetti del coronavirus, due nuovi modelli vanno ad aggiungersi alla lista delle future Harley-Davidson. A quelle pianificate nel programma More Roads.

Entrambe le moto utilizzano l'inedito motore raffreddato a liquido Revolution Max e seguono le altre tre già presentate da Harley. Due le abbiamo viste fisicamente anche a EICMA, oltre che a MBE Verona, e sono la streetfighter Bronx 975 e la adventure Pan America 1250, l'altra è la versione custom confermata per l'anno prossimo, vedi le foto qui sotto.

  • 1/3
  • 2/3
  • 3/3

Tradizione Flat Track

Attorno alle nuove motorizzazioni V2 con raffreddamento a liquido, con distribuzione bialbero, cambio in blocco e trasmissione finale a catena, si sviluppano infatti una serie di modelli che affiancheranno la tradizionale produzione H-D: una serie articolata fra i 500 e i 1250 cc.

Verso la fine dell'anno scorso sono circolate le fotografie di due prototipi mostrati in una convention interna ad H-D, un modello di ispirazione café racer e uno di scuola flat track. Il fatto che ne siano stati depositati ora i disegni di stile presso l'ente europeo della proprietà intellettuale, e pubblicati da motorcycle.com, conferma l'avanzamento dei progetti.

Il prototipo della flat track
Il prototipo della flat track

I disegni sono piuttosto fedeli ai modelli fotografati.
Entrambi potrebbero usare la motorizzazione 975 cc, ma è soltanto un'ipotesi.
La flat track adotta una ciclistica del tutto simile a quella della Bronx, quindi con forcella rovesciata, sospensione posteriore centrale, doppio disco davanti, ma con nuovo forcellone; le ruote potrebbero essere da 18 pollici davanti e da 17 dietro.

  • 1/5
  • 2/5
  • 3/5
  • 4/5
  • 5/5

L'estetica è legato alla tradizione della serie XR e XR750 in particolare, con un design basato sul tipico profilo a goccia del serbatoio, sulla sella monoposto con tanto di codino e su linee a sviluppo orizzontale. Lo scarico è naturalmente con i due terminali sovrapposti e rialzati, ci sono il manubrio piatto e una mascherina attorno al faro ellittico che ricorda quello della recente Fat Bob. La targa è fissata al forcellone per lasciare pulito il disegno del codino.

Il prototipo café racer
Il prototipo café racer

Attuale ma fedele alla storia

La versione café racer è invece una chiara citazione alla famosa XLCR Cafe Racer 1000 del 1978. A cominciare dal piccolo cupolino di forma arrotondata, proseguendo con lo sviluppo allungato del serbatoio che si fonde al gruppo sella e coda. Il tutto nell'immancabile colorazione nera (lo speriamo).

La XLCR 1000, la Cafe Racer del 1978
La XLCR 1000, la Cafe Racer del 1978

Fedele a quel concetto è anche la sospensione posteriore con coppia di ammortizzatori (la Bronx e la Custom che è attesa in vendita nel 2021 adottano il mono centrale) e così il giro dei collettori di scarico che confluiscono nel singolo silenziatore basso sul lato destro (la vecchia XLCR aveva invece due silenziatori laterali).

  • 1/3
  • 2/3
  • 3/3

Rispetto alla flat track, la café racer ha manubrio più basso e stretto, pedane più alte e arretrate e, sembrerebbe dai disegni, la ruota anteriore da 17 pollici.

Trattandosi di brevetti di design è naturalmente possibile che le parti tecniche non siano del tutto fedeli, ma anche in questo caso le affinità con le foto dei prototipi chiariscono meglio il quadro.

Recensioni
  • Scarpa 88
    14 agosto 2020
    Harley-Davidson Street 750 Street Rod
    moto bella e divertente, ottima frenata. Mi ha stupito!
    Leggi di più
  • giorda1984
    2 marzo 2019
    Harley-Davidson Street 750
    Perfetta anche in città si guida benissimo. Leggera e maneggevole.
    Leggi di più
  • elmechicano
    8 settembre 2017
    Harley Strett 750
    La moto è una versione base e semplificata in tutto rispetto alle rinomate sorelle ! Questo la rende molto facile da guidare pur lasciando il fascino del sound inconfondibile di una Harley In città si comporta benissimo , è molto agile e semplice da maneggiare con sospensioni meno rigide di una 883 . Andrebbe probabilmente migliorato l'impianto frenante ma non è comunque una moto da cui ci si aspetta di frenare per imprevisti a 200 km/h . Con qualche modifica e personalizzazione può diventare un gioiellino , è molto versatile per diversi stili ( Bobber , caffe racer, etc..etc..) Consigliatissima per chi vive in città e vuole una moto da utilizzare ogni giorno e per ogni occasione . Con al sissy bar il passeggero sta comodissimo e si possono affrontare lunghi viaggi senza problemi ( serbatoio capiente ) grande mezzo !!
    Leggi di più
Moto nuove
Moto usate
Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta