• 1/8
  • 2/8
  • 3/8
  • 4/8
  • 5/8
  • 6/8
  • 7/8
  • 8/8
ANNIVERSARI

Muro di Berlino: le moto che guidavamo 30 anni fa, quando crollò

Il 9 novembre del 1989 iniziava lo smantellamento del principale simbolo della Guerra Fredda, un momento storico fondamentale che vogliamo celebrare ricordando quali nuove moto vennero presentate in quell'anno e quali modelli andavano per la maggiore nel decennio che stava per cominciare
di Maurizio Tanca

Anno 1961. 13 dicembre. La Germania Orientale, politicamente legata alla Russia, erige un tetro muro fortificato alto tre metri e sessanta, per impedire l’eventuale fuga di spie e fuggiaschi dissidenti verso Berlino Ovest e la libertà.

Ci vollero oltre 28 anni prima che il governo tedesco-orientale si vedesse costretto ad aprire le frontiere abbattendo quel Muro della Vergogna che causò parecchie vittime (si parla di circa 200) durante i frequenti tentativi di fuga: il fatidico e sospirato evento, che ristabiliva l’unione delle due repubbliche ebbe luogo il 9 novembre del 1989. Esattamente 30 anni fa.

Domanda: chi si ricorda quali nuove moto vennero presentate in quell'anno e, in generale, quali modelli andavano per la maggiore nel decennio che stava per sfociare negli anni ’90? E quali, per un motivo o per l’altro, hanno lasciato un segno indelebile nei vostri ricordi?

Leggi anche

Andiamo a sfogliare le riviste dell’epoca, e ricordando che ancora non c’erano limiti di legge alle potenze, riscopriamo che le 125 godevano di un periodo d’oro, in particolare con la Honda NSR, la Cagiva Freccia, l’Aprilia AF1, la Gilera SP01.

I più grandicelli si divertivano, in ordine di gradimento, con le 250/350 cc, con in testa l’Aprilia Wind/ETX 350, la mitica Yamaha RD 350, la Fantic 250, l’altrettanto iconica Suzuki RG Gamma e la Cagiva T4 350, sempre in ordine di gradimento.

E poi c’era l’imbarazzo della scelta con le 600 di piglio sportivo, e sport tourer, quasi tutte quadricilindriche, capeggiate dalla Honda CBR 600, seguita dalla Yamaha FZR, dalla Kawasaki GPZ 500 (unica bicilindrica sport-touring), dalla Kawasaki GPX e dalla Suzuki GSX/F.

La svolta tecnologica

E veniamo a quelle che allora rappresentavano la quintessenza della tecnologia. Ovvero: Honda CBR1000, la mitica Honda VFR750 alla sua seconda versione, la formidabile Yamaha FZR1000 Ex-Up con motore a 5 valvole, con la pacifica presenza dell’interessante tourer Honda PC 800 bicilindrica a V a precedere la sempre validissima Suzuki GSX-R750.

E che dire delle numerose custom presenti in quel decennio? Guidava il gruppo la Honda VT600C, con a ruota la Moto Guzzi Florida 650, la “chopper” Honda VT750CH, la Moto Guzzi V35 Florida e la Moto Morini 350 Excalibur bicilindrica.

Altro segmento significativo comprendeva le gettonatissime enduro stradali, con attrici privilegiate come le monocilindriche Honda Dominator 650 e Yamaha XT e Ténéré 600 seguite dalle bicilindriche Yamaha XTZ 750 Super Ténéré, dalla Honda Transalp 600 e dalla sorella maggiore Africa Twin 650.

E terminiamo con gli scooter, allora non ancora diffusi come oggi. Le classifiche di gradimento spettavano a quella che avrebbe dovuto sostituire la mitica Vespa, cioè la Cosa, presente nella classifica con le 125, 150 e 200 seguita dalla sempiterna Vespa PX125, con l’interferenza del primo, interessante maxi-scooter Honda CN250, che ancora scorrazza sulle strade, specie a Genova e dintorni. Per chi non lo sappia, l’operazione “Cosa” non venne mai digerita dai vespisti di tutto il mondo, e durò poco tempo.

La corazzata giapponese

Ma andiamo un po’ a vedere quali erano i modelli prescelti dai lettori della allora autorevole rivista La Moto per eleggere la regina del fatidico anno 1989: le 6 moto prescelte erano 4 supersportive, una sport-tourer e una enduro stradale, tutte di cilindrata elevata. Nella fattispecie 3 Yamaha (FZR1000, FZR750 e Superténéré 750 bicilindrica), Kawasaki ZXR 750, Suzuki GSXR 1100, e una BMW molto particolare: la molto discussa quadricilindrica K1 dalle linee decisamente molto particolari.

Ma le novità di quello storico anno erano anche altre, destinate più all’utilizzo più globale. Honda, sempre attenta alle esigenze dei motociclisti che ammano viaggiare, ma anche divertirsi alla guida, portò all’allora Salone del Ciclo e Motociclo (oggi EICMA) di Milano una VFR750 rivisitata e una bella e poderosa sport-tourer anch’essa con motore V4 da 1.084 cc, in questo caso trasversale, denominata ST1100 Pan European, evidentemente destinata ai macina-chilometri di tutto il mondo.

E a Tokyo presentò anche l’Africa Twin 750.

Ma non è tutto, perché al Salone giapponese figurava anche la stratosferica NR750 a pistoni ovali, “nata per far sognare” e in vendita in serie limitata di poco più di 200 esemplari a circa 100 milioni di lire.

Kawasaki decise di importare in Italia quel gioiellino della ZXR 400 da oltre 200 orari, che però costava quasi quasi come la 750. Ma presentò al Salone di Tokyo le super prestanti ZZR 1100 e 600, comode però anche per il passeggero. E Suzuki sfoggiò la rivoluzionata, magnifica RGV250 Gamma bicilindrica a 2 tempi, tutt’oggi appetibilissima dagli amanti di questo tipo di belvette.

Honda CBR 600 F (1988 - 90)

Informazioni generali
  • Marca
    Honda
  • Modello
    CBR 600 F
  • Allestimento
    CBR 600 F (1988 - 90)
Vai alla scheda tecnica

Suzuki RGV 250 (1989 - 97)

Informazioni generali
  • Marca
    Suzuki
  • Modello
    RGV 250
  • Allestimento
    RGV 250 (1989 - 97)
Vai alla scheda tecnica

Honda Africa Twin NXR 650

Informazioni generali
  • Marca
    Honda
  • Modello
    Africa Twin NXR 650
  • Allestimento
    Africa Twin NXR 650
Vai alla scheda tecnica

Piaggio Cosa 200 MA

Informazioni generali
  • Marca
    Piaggio
  • Modello
    Cosa 200
  • Allestimento
    Cosa 200 MA
Vai alla scheda tecnica
Recensioni
  • Nick_Farl_3885028
    11 dicembre 2017
    Honda CBR 600 f
    Moto sportiva ottima , utilizzabile anche per uso turistico , consumi contenuti , motore affidabile.
    Leggi di più
  • EoWolf
    16 gennaio 2014
    Honda CBR 600 F (1988 - 90)
    Cosa mi piace Peso contenuto, motore affidabile, consumi. Cosa cambierei Sospensioni troppo morbide, manca spia riserva.
    Leggi di più
  • EoWolf
    26 agosto 2013
    Honda CBR 600 F (1988 - 90)
    Cosa mi piace Minima manutenzione, comodità, consumi. Cosa cambierei Forcelle anteriori troppo morbide, gomme di piccole dimensioni.
    Leggi di più
  • rikytanica
    4 febbraio 2018
    rgv 250
    Moto meravigliosa, riesce a dare paga a modelli più giovani di 20 anni. ha un peso e una ciclistica che permettono angoli di piega e cambi di direzione impensabili con qualsiasi super sportiva recente. La moto più divertente che ho mai provato
    Leggi di più
  • Sergio_B
    22 gennaio 2018
    Suzuki RGV 250 VJ22A 1994
    Piccola, leggera, maneggevole e potente. La moto ideale per divertirsi senza spendere cifre folli. Provare per credere!
    Leggi di più
  • davide.peis
    9 ottobre 2017
    Suzuki RGV 250
    Moto leggerissima un vero missile agile ma anche molto stabile moto d'altri tempi con un fascino intramontabile una vera goduria da usare.
    Leggi di più
  • rossetticri1
    21 agosto 2017
    Africa Twin RD03
    Honda Africa Twin Da sempre svolge un lavoro pionieristico nel settore "Adventure Sports", e la cui immagine di potenza deriva direttamente dalle robustissime moto che hanno affrontano nei primi anni '90 i rally più impegnativi del mondo. Spinta da un elastico ma potente motore bicilindrico a V, l'Africa Twin è equipaggiata con sospensioni perfette per i lunghi viaggi ed una carenatura dal design tondeggiante, che offre un'ottima protezione dal vento particolarmente gradita in caso di lunghi spostamenti.
    Leggi di più
  • faste
    18 luglio 2017
    Africa Twin
    Moto d'altri tempi, ha sempre mantenuto fede alle sue prerogative, una moto storica con un motore che mai ti abbandona. Purtroppo cambiano i tempi ma non cambia il suo valore
    Leggi di più
  • traf990
    12 giugno 2017
    Honda Africa Twin NXR 650
    Un icona delle moto da avventura, un vero carro armato, indistruttibile.Motore al top per affidabilità, bella per girare il mondo.
    Leggi di più
  • utente anonimo
    11 settembre 2005
    Piaggio Cosa 200 MA
    Come va E' sempre funzionante. Cosa mi piace E' sempre funzionante. Cosa cambierei Freni e ruote piccole.
    Leggi di più
  • utente anonimo
    14 gennaio 2004
    Piaggio Cosa 200 MA
    Come va Mezzo affidabile. Cosa mi piace Mezzo affidabile. Cosa cambierei Tenuta di strada non ottima, è sbilanciata come tutte le vespe.
    Leggi di più
  • utente anonimo
    26 giugno 2003
    Piaggio Cosa 200 MA
    Come va Poco chilometraggio,nessun incidente,verniciatura in ottimo stato. Cosa mi piace Poco chilometraggio,nessun incidente,verniciatura in ottimo stato. Cosa cambierei Il cambio necessita di qualche piccola regolazione.
    Leggi di più
Moto usate
Leggi anche
Altre info Honda CBR 600 F (1988 - 90)
Altre info Suzuki RGV 250 (1989 - 97)
  • Suzuki Italia S.p.A.
    C.so Fratelli Kennedy, 12
    10070 Robassomero (TO) - Italia
    011 9213711   http://www.suzuki.it
Altre info Honda Africa Twin NXR 650
Altre info Piaggio Cosa 200 MA
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta