MotoGP

Rossi guida al Ranch: allenamento per la MotoGP e divertimento (Video)

In questo nuovo video di Valentino Rossi al Ranch, si comprende bene perché è nato l’impianto voluto dal Dottore, quali sono stati i criteri per stabilirne il layout, quali i vantaggi ad allenarsi in un posto del genere
di Moto.it

Allenarsi sull’asfalto è difficile da gestire – spiega Valentino in apertura - perché devi organizzare e spostarti, e non potremmo certo andare a Misano o al Mugello ogni settimana. Il Ranch nasce per questo, con due ovali, uno interno e l’altro esterno, per poter girare nei due sensi. E poi con una pista varia e tecnica che chiamiamo il TT”

“L’ovale è la parte più difficile – ammette Marco Bezzecchi con l’aria di divertirsi tanto anche lì - perché ci sono venti traiettorie possibili”

  • 1/41
  • 2/41
  • 3/41
  • 4/41
  • 5/41
  • 6/41
  • 7/41
  • 8/41
  • 9/41
  • 10/41
  • 11/41
  • 12/41
  • 13/41
  • 14/41
  • 15/41
  • 16/41
  • 17/41
  • 18/41
  • 19/41
  • 20/41
  • 21/41
  • 22/41
  • 23/41
  • 24/41
  • 25/41
  • 26/41
  • 27/41
  • 28/41
  • 29/41
  • 30/41
  • 31/41
  • 32/41
  • 33/41
  • 34/41
  • 35/41
  • 36/41
  • 37/41
  • 38/41
  • 39/41
  • 40/41
  • 41/41

“La seconda curva è difficilissima – dichiara Luca Marini - perché ci sono la discesa, la compressione e poi anche la salita”.

“Qui si impara a migliorare il controllo della moto quando scivola” afferma Celestino Vietti. E “le condizioni cambiano di continuo” aggiunge Marco Bezzecchi. Si capisce bene, dal video, che chi si allena al Ranch si diverte anche moltissimo.

Rossi conclude sui concetti base: il Ranch è un impianto che nasce per l’allenamento, specie quello invernale, e per migliorare il controllo della moto non c’è niente di meglio della terra, che offre poco grip. “Per migliorare la trazione devi spostarti tanto sulla sella, e alla fine guidi molto meglio sull’asfalto, che è quello che ci interessa”.

Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta