8,5
Voto della redazione
video prova

Kawasaki Versys 650 2020 TEST. Ok, il prezzo è giusto

Abbiamo provato per voi la Versys 650 di Kawasaki. Non è una novità assoluta, ma in tanti ci chiedete come si comporta e poi nel 2020 è offerta con le borse, fari e paramani a 7.950 euro. Un motivo in più per guidare questa moto intelligente e pratica. Ma oltre a essere intelligente, sarà divertente?
di Andrea Perfetti

L'ultima Kawasaki che ho provato è stata l'esagerata H2 SE SX Plus che, non lo nascondo, ha lasciato il segno. Costruita con tanta cura e capace di emozionare ogni giorno come pochissime altre moto che ho avuto la fortuna di guidare in questi anni. 

Oggi faccio un salto carpiato con avvitamento e passo dalla H2 alla tranquilla ed economica (costa circa 1/3...) Versys 650. In tanti ci avete chiesto di riprovarla, dopo la comparativa fatta a suo tempo con la Honda NC 750X. E oggi è arrivato il momento, perché la versione Tourer Plus che stiamo guidando è proposta a un prezzo pari a 7.950 euro con borse, faretti, protezione serbatoio e paramani. Si tratta di una cifra inferiore alla dirette concorrenti giapponesi e persino a molti scooter di grossa cilindrata. Corriamo allora a vedere come va. Soprattutto, lascerà un segno nel cuore?

Guarda gli annunci di Versys 650
Leggi il listino della Versys 650

La Versys accoglie molto bene anche i piloti più alti. La sella a 840 mm da terra consente di appoggiare facilmente i piedi a terra, perché è molto stretta. Il passeggero ha una sella abbondante e pedane basse. Ottime le maniglie per il secondo e le pedane coperte da gomma anti-vibrazioni. Il motore scalda nella zona dei piedi, dove troviamo il silenziatore basso. 

Nel complesso è fatta molto bene. Si apprezzano in particolare le verniciature e i comandi. Non si raggiunge la lode a causa delle plastiche un po' povere, che coprono il telaio nella zona centrale, e del telaietto posteriore piuttosto pesante.

La strumentazione è ben leggibile e abbastanza completa. Il contagiri è analogico, troviamo il contamarce e il consumo medio. I blocchetti sono classici e molto semplici da usare. Le leve sono regolabili nella distanza dal manubrio. Il tasto per navigare nel menù obbliga però a togliere la mano dai comandi.

La dotazione di serie è ottima e comprende capienti valigie laterali, il parabrezza regobalile e componenti di qualità. La forcella Showa è completamente regolabile, l'impianto frenante ha il doppio disco a margherita. Manca purtroppo il controllo di trazione, che sarebbe comodo più che altro su strisce e pavé in città.

Il bicilindrico parallelo ha un range di utilizzo incredibile. E' regolare già a 2.000 giri, ha un bel carattere ai medi e poi allunga fino a 10.500 giri. Il cambio invece è soltanto discreto; è preciso negli innesti, che però si rivelano a volte duretti e con un'ampia escursione della leva. La piccola 650 da 69 cavalli ha un animo da Ninja. Allunga forte e dimostra persino più dei cavalli dichiarati dalla casa. E' una 650, ma non ha alcun timore reverenziale verso le moto più grandi, persino nel turismo in coppia a pieno carico. Sono molto buoni anche i consumi. Ha percorso oltre 25 km/l nell'extraurbano, 18 e passa in città e quasi 20 in autostrada a 130 km/h. La Versys è a suo agio anche nel traffico. Pesa poco ed è agile. Il motore è molto regolare, ma scalda un po' la zona destra. La risposta dell'ABS è ottima anche sullo sconnesso.

Ma è in collina che la 650 giapponese appaga in pieno. L'avantreno dà un grande feeling anche in discesa, c'è tanta agilità nei tornanti. La frenata è pronta e potente, mentre il motore ha l'allungo che fa divertire tra le curve (a patto di tirargli per benino il collo). Il mono tende un po' a pompare in uscita di curva, ma abbiamo risolto la cosa indurendo il precarico di 3 click. La Versys è promossa anche in autostrada: il motore vibra poco e allunga tanto. Anche il passeggero riceve un'ottima sistemazione.

E quindi, alla fine? Ha lasciato il segno? Beh, se pensate a quanto costa e a cosa offre, direi propro di sì. E' una moto pratica, affidabile ed è un piacere guidare tra le curve con lei. Se in tanti amano ancora la Versys, un motivo ci sarà!

Rilevamenti

Velocità massima senza borse: 198 km/h (indicata: 209 km/h)
Consumi:
Città: 18,2 km/l
Extraurbano: 25 km/l
Autostradale: 19,5 km/l
Scarto tachimetro: a 130 km/h indicati corrispondono 123 km/h effettivi

Pesi:
221,5 kg col pieno (21 litri) senza borse
206,5 kg a vuoto

Pro e contro
  • Rapporto qualità prezzo. Facilità di guida. Motore divertente e frenata sicura
  • Manca il controllo di trazione. Il motore scalda un po' i piedi quando fa caldo

Maggiori info

Riprese di Fabrizio Partel e Luca Catasta
Foto di Alessio Barbanti
Montaggio di Luca Catasta

 

ABBIGLIAMENTO
Casco AGV AX9
Giacca Tucano Urbano Multitask
Jeans Tucano Urbano
Guanti Tucano Urbano
Scarpe TCX boots

  • 1/22
  • 2/22
  • 3/22
  • 4/22
  • 5/22
  • 6/22
  • 7/22
  • 8/22
  • 9/22
  • 10/22
  • 11/22
  • 12/22
  • 13/22
  • 14/22
  • 15/22
  • 16/22
  • 17/22
  • 18/22
  • 19/22
  • 20/22
  • 21/22
  • 22/22

Kawasaki Versys 650 Tourer Plus (2017 - 20)

Informazioni generali
  • Marca
    Kawasaki
  • Modello
    Versys 650
  • Allestimento
    Versys 650 Tourer Plus (2017 - 20)
Vai alla scheda tecnica
Recensioni
Moto nuove
Moto usate
Leggi anche
Altre info Kawasaki Versys 650 Tourer Plus (2017 - 20)
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta